Accesso

Cira

HEXAFLY-INT - High-Speed Experimental Fly Vehicles-International

Obiettivo

Il progetto si pone l'obiettivo principale di validare in volo alcune delle tecnologie chiave del volo ipersonico ed in particolare del volo trans-atmosferico. Tale obiettivo viene raggiunto attraverso il design, manufacturing, assemblaggio e test in volo di un velivolo senza motore, la cui configurazione è stata definita e studiata per avere la massima efficienza in volo livellato a velocità ipersoniche (Mach 7-8).

Le maggiori sfide tecnologiche del progetto riguardano appunto il design del glider, l'EFTV (Experimental Flight Test Vehicle), in cui sono state integrate tecnologie tipicamente spaziali, come i materiali high temperature, con tecnologie aeronautiche standard.

Il payload raggiungerà la quota di 90 km grazie ad un razzo sonda messo a disposizione da una cooperazione tra i tedeschi di DLR e il centro di lancio brasiliano di Alcantara.

Il velivolo, grazie alle due superfici di controllo, sarà in grado di volare autonomamente in maniera stabile e controllata attraverso la finestra sperimentale ad una quota di circa 30km. Nella parte alta della traiettoria sarà invece stabilizzato da un modulo di supporto dotato di un sistema di controllo RCS che sarà poi separato dal velivolo stesso attraverso un sistema di sgancio pirotecnico.

Durante la missione saranno acquisiti importanti dati di volo attraverso più di cento sensori installati a bordo, che avranno inoltre il compito di monitorare lo stato della struttura e le parti più critiche della missione attraverso cinque telecamere interne ed esterne che trasmetteranno real time informazioni sullo stato del TPS, sul movimento delle superfici di controllo e sulla separazione dal modulo di supporto.

Tutti i dati saranno trasmessi attraverso telemetria; non è previsto il recupero del payload.


Attività nel progetto CIRA

Il CIRA, nel ruolo di Project Engineer e Design Authority del velivolo, è responsabile della configurazione di volo e di tutte le scelte progettuali. Sarà inoltre coordinatore delle fasi di assemblaggio, integrazione e testing del velivolo ed ha in carico, tra le attività numeriche a supporto della definizione di missione, la definizione dell'ambiente aerotermico, il design del TPS, la definizione dei carichi di lancio e di traiettoria, l'analisi e definizione di traiettoria e del sistema di guida, navigazione e controllo.

Programma

​FRAMEWORK PROGRAM 7, Commissione Europea

  • data inizio: martedì 1 aprile 2014
  • durata: 60.0000000000000

 Riutilizzo elemento catalogo

giovedì 15 settembre 2016
84
lunedì 30 gennaio 2017
HEXAFLY-INT
Aeronautics - Technology Integration and Flight Demostrators, Aerothermodynamics, Structures and Materials, On Board Systems and ATM, Electronics and Communications
Il progetto HEXAFLY-INT, High-Speed Experimental Fly Vehicles- International, nato dall’interesse dell’Europa nel trasporto civile ipersonico a lunga distanza, è dedicato allo sviluppo di una campagna sperimentale di volo per la dimostrazione e validazione delle tecnologie chiave del volo ad alta velocità.
Aerothermodynamics for spatial applications, Thermal Technologies, Space Debris, Autonomous operation
High-Speed_Experimental Fly Vehicles - INTernational

 

 

HEXAFLY-INT - High-Speed Experimental Fly Vehicles-International<img alt="" src="http://webtest.cira.it/PublishingImages/Hexafly-INT-T2-900x386.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://www.cira.it/it/spazio/accesso-allo-spazio-satelliti-ed-esplorazione/hexaFLY-INT/HEXAFLY-INT - High-Speed Experimental Fly Vehicles-InternationalHEXAFLY-INT - High-Speed Experimental Fly Vehicles-International<p style="text-align:justify;">Il progetto si pone l'obiettivo principale di validare in volo alcune delle tecnologie chiave del volo ipersonico ed in particolare del volo trans-atmosferico. Tale obiettivo viene raggiunto attraverso il design, manufacturing, assemblaggio e test in volo di un velivolo senza motore, la cui configurazione è stata definita e studiata per avere la massima efficienza in volo livellato a velocità ipersoniche (Mach 7-8).</p><p style="text-align:justify;">Le maggiori sfide tecnologiche del progetto riguardano appunto il design del glider, l'EFTV (Experimental Flight Test Vehicle), in cui sono state integrate tecnologie tipicamente spaziali, come i materiali high temperature, con tecnologie aeronautiche standard.</p><p style="text-align:justify;">Il payload raggiungerà la quota di 90 km grazie ad un razzo sonda messo a disposizione da una cooperazione tra i tedeschi di DLR e il centro di lancio brasiliano di Alcantara.</p><p style="text-align:justify;">Il velivolo, grazie alle due superfici di controllo, sarà in grado di volare autonomamente in maniera stabile e controllata attraverso la finestra sperimentale ad una quota di circa 30km. Nella parte alta della traiettoria sarà invece stabilizzato da un modulo di supporto dotato di un sistema di controllo RCS che sarà poi separato dal velivolo stesso attraverso un sistema di sgancio pirotecnico.</p><p style="text-align:justify;">Durante la missione saranno acquisiti importanti dati di volo attraverso più di cento sensori installati a bordo, che avranno inoltre il compito di monitorare lo stato della struttura e le parti più critiche della missione attraverso cinque telecamere interne ed esterne che trasmetteranno real time informazioni sullo stato del TPS, sul movimento delle superfici di controllo e sulla separazione dal modulo di supporto.</p><p style="text-align:justify;">Tutti i dati saranno trasmessi attraverso telemetria; non è previsto il recupero del payload.</p><p style="text-align:justify;"><br></p><p>​FRAMEWORK PROGRAM 7, Commissione Europea</p><p>Il CIRA, nel ruolo di Project Engineer e Design Authority del velivolo, è responsabile della configurazione di volo e di tutte le scelte progettuali. Sarà inoltre coordinatore delle fasi di assemblaggio, integrazione e testing del velivolo ed ha in carico, tra le attività numeriche a supporto della definizione di missione, la definizione dell'ambiente aerotermico, il design del TPS, la definizione dei carichi di lancio e di traiettoria, l'analisi e definizione di traiettoria e del sistema di guida, navigazione e controllo.</p>2014-03-31T22:00:00Z60.0000000000000

 Galleria multimediale

 

 

Layout of the EFTV on-board systemshttps://www.cira.it/PublishingImages/Forms/DispForm.aspx?ID=92Layout of the EFTV on-board systemsImagehttps://www.cira.it/PublishingImages/HEXAFLY-INT_Equipment.png
Payload layouthttps://www.cira.it/PublishingImages/Forms/DispForm.aspx?ID=93Payload layoutImagehttps://www.cira.it/PublishingImages/HEXAFLY-INT_Payload.png
Wall Temperature with streamlineshttps://www.cira.it/PublishingImages/Forms/DispForm.aspx?ID=761Wall Temperature with streamlinesImagehttps://www.cira.it/PublishingImages/HEXAFLY-INT-T2-900X386.jpg
ESM Separationhttps://www.cira.it/PublishingImages/ESM SeparationESM SeparationESM SeparationESM Separationtext/html; charset=utf-8 Video<iframe src='https://www.youtube.com/embed/x23h_ptIGGE' width='640' height='360' frameborder='0'></iframe>

 ATTIVITÀ