Accesso

SIMACE - SIstema per la Misura di Condizioni Ambientali in Condizioni Estreme

Obiettivo

Il progetto dal titolo "Monitoraggio di parametri nanoclimatici in comunità criptoendolitiche Antartiche" è stato presentato al bando emesso nell'ambito del Piano Nazionale di Ricerca in Antartide (PNRA) ed ha come coordinatore l'università della Tuscia, Dipartimento di scienze Ecologiche e Biologiche (DEB).

Alcune comunità di microrganismi presenti in Antartide rappresentano l'estremo adattamento della vita alle costrizioni del continente. Il completo isolamento genetico e geografico e le forti pressioni ambientali, hanno portato all'evoluzione di microrganismi unici ed estremamente resistenti. Sebbene alcuni nuovi taxa siano stati descritti, la biodiversità di tali comunità è ancora in gran parte ignota e nulla si sa di come diversi parametri ambientali, primi tra tutti disponibilità di acqua, temperatura e luce, influiscano su di essa. Il presente progetto intende allestire un sistema di monitoraggio delle condizioni microclimatiche su lungo termine per avere un quadro chiaro delle condizioni cui le comunità microbiche sono normalmente esposte. I dati, integrati con l'analisi del substrato roccioso ed una prima indagine di biodiversità totale delle comunità presenti, consentiranno di approfondire le conoscenze sull'adattamento ed evoluzione in condizioni limite fornendo uno strumento di predittività sull'effetto di eventuali cambiamenti climatici.

Attività nel progetto CIRA

​Le attività del CIRA sono a supporto dell'attività principale che prevede delle misure in Antartide. Per il monitoraggio da remoto di tali misure è stato richiesto a CIRA la definizione di un sistema satellitare di trasmissione dati. 

I principali task previsti sono i seguenti:

  1. Identificazione delle condizioni operative presenti nelle aree d'interesse con lo scopo di definire le condizioni a cui lavorerà il sistema.

  2. Identificazione della costellazione satellitare da utilizzare per la trasmissione dei dati. Valutazione della copertura dell'area geografica d'interesse e della disponibilità di prodotti commerciali (COTS) per il radio modem, compatibili con le condizioni operative ed ambientali.

  3. Basandosi sulla definizione della sensoristica definita dai partner, progettazione logico/fisica (elettrico/elettronica) della stazione di misura ottenuta integrando i due componenti fondamentali: sistema di acquisizione dati (datalogger) e sistema di trasmissione.

  4. Realizzazione di eventuali moduli SW di gestione dei dati da far girare su apposita piattaforma per il data handling.

  5. Integrazione elettromeccanica del sistema di trasmissione satellitare con i datalogger e test funzionali della stazione in laboratorio.

  6. Supporto all'istallazione in-loco.

  7. Supporto al rilevamento dati dalle stazioni installate in Antartide relative al microclima nelle aree d'interesse.

Programma

​Progetto finanziato dal MIUR attraverso il PNRA (Piano Nazionale di Ricerche in Antartide).

  • data inizio: venerdì 27 novembre 2015
  • durata: 37.0000000000000

 Riutilizzo elemento catalogo

mercoledì 14 settembre 2016
78
lunedì 18 settembre 2017
SIMACE
Electronics and Communications, Territory, Environment and Cultural Heritage, Space - Technology Integration and Flight Demostrators
Lo studio dei meccanismi di sviluppo di comunità di microrganismi in ambienti ostili prevede il monitoraggio del microclima in particolari siti dell’ Antartide. Il sistema di comunicazione satellitare per remotizzare il monitoraggio è l’oggetto delle attività CIRA in questo progetto.
Systems Engineering, Application Development
Space Qualification Laboratory, Electronics Lab

 

 

SIMACE - SIstema per la Misura di Condizioni Ambientali in Condizioni Estreme<img alt="" src="http://webtest.cira.it/PublishingImages/progSimace.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://www.cira.it/it/aeronautica/aeromobili-pilotati-da-remoto-e-non-pilotati/simace/SIMACE - SIstema per la Misura di Condizioni Ambientali in Condizioni EstremeSIMACE - SIstema per la Misura di Condizioni Ambientali in Condizioni Estreme<p style="text-align:justify;">Il progetto dal titolo "<em>Monitoraggio di parametri nanoclimatici in comunità criptoendolitiche Antartiche</em>" è stato presentato al bando emesso nell'ambito del Piano Nazionale di Ricerca in Antartide (PNRA) ed ha come coordinatore l'università della Tuscia, Dipartimento di scienze Ecologiche e Biologiche (DEB).</p><p style="text-align:justify;">Alcune comunità di microrganismi presenti in Antartide rappresentano l'estremo adattamento della vita alle costrizioni del continente. Il completo isolamento genetico e geografico e le forti pressioni ambientali, hanno portato all'evoluzione di microrganismi unici ed estremamente resistenti. Sebbene alcuni nuovi <em>taxa</em> siano stati descritti, la biodiversità di tali comunità è ancora in gran parte ignota e nulla si sa di come diversi parametri ambientali, primi tra tutti disponibilità di acqua, temperatura e luce, influiscano su di essa. Il presente progetto intende allestire un sistema di monitoraggio delle condizioni microclimatiche su lungo termine per avere un quadro chiaro delle condizioni cui le comunità microbiche sono normalmente esposte. I dati, integrati con l'analisi del substrato roccioso ed una prima indagine di biodiversità totale delle comunità presenti, consentiranno di approfondire le conoscenze sull'adattamento ed evoluzione in condizioni limite fornendo uno strumento di predittività sull'effetto di eventuali cambiamenti climatici.</p><p>​Progetto finanziato dal MIUR attraverso il PNRA (Piano Nazionale di Ricerche in Antartide).</p><p style="text-align:justify;">​Le attività del CIRA sono a supporto dell'attività principale che prevede delle misure in Antartide. Per il monitoraggio da remoto di tali misure è stato richiesto a CIRA la definizione di un sistema satellitare di trasmissione dati. </p><p style="text-align:justify;">I principali task previsti sono i seguenti:</p><ol style="text-align:justify;"><li><p>Identificazione delle condizioni operative presenti nelle aree d'interesse con lo scopo di definire le condizioni a cui lavorerà il sistema.</p></li><li><p>Identificazione della costellazione satellitare da utilizzare per la trasmissione dei dati. Valutazione della copertura dell'area geografica d'interesse e della disponibilità di prodotti commerciali (COTS) per il radio modem, compatibili con le condizioni operative ed ambientali.</p></li><li><p>Basandosi sulla definizione della sensoristica definita dai partner, progettazione logico/fisica (elettrico/elettronica) della stazione di misura ottenuta integrando i due componenti fondamentali: sistema di acquisizione dati (datalogger) e sistema di trasmissione.</p></li><li><p>Realizzazione di eventuali moduli SW di gestione dei dati da far girare su apposita piattaforma per il data handling.</p></li><li><p>Integrazione elettromeccanica del sistema di trasmissione satellitare con i datalogger e test funzionali della stazione in laboratorio.</p></li><li><p>Supporto all'istallazione in-loco.</p></li><li><p>Supporto al rilevamento dati dalle stazioni installate in Antartide relative al microclima nelle aree d'interesse.</p></li></ol>2015-11-26T23:00:00Z37.0000000000000

 Galleria multimediale

 

 

 ATTIVITÀ

 

 

Completato il prototipo della stazione microclimatica che invierà dati dall’Antartide<img alt="" src="https://www.cira.it/PublishingImages/Setup-01-OK.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://www.cira.it/it/aeronautica/aeromobili-pilotati-da-remoto-e-non-pilotati/simace/completato-il-prototipo-della-stazione-microclimatica-che-spedirà-dati-dall’antartide/Completato il prototipo della stazione microclimatica che invierà dati dall’AntartideCompletato il prototipo della stazione microclimatica che invierà dati dall’AntartideCompletata l’integrazione e test del prototipo della stazione micro-climatica che sarà istallata in Antartide il prossimo inverno.2017-09-03T22:00:00Z
Primo segnale dalla stazione microclimatica in Antartide<img alt="" src="https://www.cira.it/PublishingImages/Missione%20in%20Antartide.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://www.cira.it/it/aeronautica/aeromobili-pilotati-da-remoto-e-non-pilotati/simace/primo-segnale-dalla-stazione-microclimatica-in-antartide/Primo segnale dalla stazione microclimatica in AntartidePrimo segnale dalla stazione microclimatica in AntartideNei giorni scorsi è stata completata in Antartide l'installazione del prototipo della stazione micro-climatica così come previsto nel progetto SIMACE (SIstema per il Monitoraggio di condizioni Ambientali in Condizioni Estreme), finanziato dal MIUR attraverso il Programma Nazionale di Ricerche in Antartide .2017-12-18T23:00:00Z