Accesso

Cira

 
mercoledì 14 settembre 2016
10
venerdì 19 maggio 2017
Aerothermodynamics
No
Le attività di ricerca in relazione alla aerotermodinamica sono indirizzate a sviluppare strumenti e competenze per la simulazione e l'analisi di flussi ad elevata energia. Le possibili applicazioni vanno dall’analisi aerodinamica di veicoli ipersonici, allo studio di camere di combustione in propulsori spaziali.
Computational Fluid Dynamics, Unsteady Aerodinamics, Wind Tunnel Testing Technology, Aerothermodynamics for spatial applications, Turbomachinery/Propulsion Aerodynamics, Combustion, Propulsion for spatial applications
Scientific computing systems, Pilot Tunnel (PT-1), Plasma Wind Tunnel Complex
Aerotermodinamica

 

 

Aerotermodinamica<img alt="" src="http://webtest.cira.it/PublishingImages/ATDI.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://www.cira.it/it/competenze/aerotermodinamica/AerotermodinamicaAerotermodinamica<p>L'obiettivo generale del CIRA, nell'ambito dell'Aerotermodinamica, è di sviluppare strumenti e competenze per la simulazione e l'analisi di flussi ad elevata energia. </p><p>Sono pertanto oggetto di studio i <strong>flussi super/ipersonici </strong>tipici, ad esempio, delle fasi di rientro di un <span style="line-height:1.6;">velivolo</span><span style="line-height:1.6;"> o di una capsula spaziale in atmosfera terrestre o extra-terrestre,</span> nonché l'aerodinamica di un lanciatore ad alta quota e di velivoli dotati di propulsione <strong>ramjet/scramjet</strong>, progettati per voli trans-atmosferici ad alta velocità.  L'uso di strumenti di <strong>fluidodinamica computazionale </strong>sia in condizioni di volo che di galleria è fondamentale, nel campo dell'aerotermodinamica, per correlare le condizioni reali di volo con quelle realizzabili in galleria; un uso competente di tali strumenti consente infatti da un lato di ottimizzare la progettazione delle prove sperimentali e favorire la corretta interpretazione dei dati di galleria, e dall'altro di estrapolare al volo i dati ottenuti nelle prove a terra.</p><p>Un ulteriore importante obiettivo è lo studio di dettaglio della fluidodinamica all'interno di camere di combustione di motori per uso aerospaziale, con particolare attenzione all'efficienza di combustione, all'analisi degli inquinanti prodotti, ad esempio, da motori scramjet, e alle potenziali instabilità nel motore. </p><p>I principali obiettivi del CIRA nell'ambito dell'Aerotermodinamica sono:</p><ul><li>Lo sviluppo di strumenti numerici per la simulazione di fluidi ad elevata energia, quali: a) flussi ipersonici, in atmosfera sia terrestre che di altri pianeti, b) fluidodinamica nelle camere di combustione di propulsori per uso aerospaziale.</li><li>Determinazione dei parametri fondamentali (coefficienti aerodinamici, carichi termici) necessari per la progettazione di veicoli aerospaziali, sia attraverso simulazioni numeriche, sia mediante la definizione e l'analisi dei dati di prove in galleria.</li></ul><p>Le attività del CIRA nell'ambito dell'Aerotermodinamica si sviluppano principalmente secondo i due seguenti filoni:</p><ul><li>Modellistica Aerotermodinamica e Termodinamica dei Flussi Reagenti</li><li>Analisi e Estrapolazioni al Volo</li></ul><p>Le attività di modellistica mirano allo sviluppo e alla validazione degli strumenti di calcolo utilizzati dal Laboratorio, mentre l'attività di analisi ed estrapolazione al volo mira all'applicazione degli strumenti disponibili, sia sviluppati "in-house" che commerciali, principalmente nell'ambito di progetti finalizzati alla realizzazione di veicoli ipersonici.</p>

 Galleria Multimediale

 

 

 Attività