Accesso
 

​​​​

179
Missione PLATO, ok i test sul computer di bordo

 Riutilizzo elemento catalogo ‭[1]‬

 Riutilizzo elemento catalogo ‭[2]‬

Missione PLATO, ok i test sul computer di bordo

Superati i primi test per PLATO (PLAnetary Transits and Oscillations of stars), la missione ESA di classe media il cui scopo scientifico è la scoperta e la caratterizzazione di sistemi planetari extrasolari per l'individuazione di esopianeti con proprietà simili a quelle della Terra.

Il Laboratorio di Qualifica Spaziale del CIRA ha concluso infatti con successo una campagna di prova effettuata per conto di Kayser Italia sul modello MTD della Instrument Control Unit (ICU), il computer del payload scientifico della missione, di cui l'azienda dovrà sviluppare e realizzare l'hardware e parte del software su incarico dell'Agenzia Spaziale Italiana. Il superamento dei test vibrazionali e la misura delle proprietà inerziali permetterà a Kayser di proseguire nell'iter di sviluppo della ICU fino al lancio di PLATO nello spazio, programmato per il 2026.

La ICU testata al CIRA fa parte del sistema di elaborazione dati del payload scientifico della missione che utilizza 18 telescopi in osservazione congiunta. I dati scientifici verranno quindi raccolti, compressi ed inviati a Terra dalla ICU che si occuperà anche della gestione della telemetria e dei telecomandi da e verso il Service Module (SVM) e della raccolta degli housekeeping data delle altre unità del payload.

24 giugno 2021


 

 

Missione PLATO, ok i test sul computer di bordo<img alt="" src="https://www.cira.it/PublishingImages/team%20di%20prova%20ICU%20PLATO.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://www.cira.it/it/infrastrutture-di-ricerca/laboratorio-di-qualifica-spaziale/missione-plato-ok-i-test-sul-computer-di-bordo/Missione PLATO, ok i test sul computer di bordoMissione PLATO, ok i test sul computer di bordo<p style="text-align:justify;">Superati i primi test per PLATO (PLAnetary Transits and Oscillations of stars), la missione ESA di classe media il cui scopo scientifico è la scoperta e la caratterizzazione di sistemi planetari extrasolari per l'individuazione di esopianeti con proprietà simili a quelle della Terra.<br></p><p style="text-align:justify;">Il Laboratorio di Qualifica Spaziale del CIRA ha concluso infatti con successo una campagna di prova effettuata per conto di Kayser Italia sul modello MTD della Instrument Control Unit (ICU), il computer del payload scientifico della missione, di cui l'azienda dovrà sviluppare e realizzare l'hardware e parte del software su incarico dell'Agenzia Spaziale Italiana. Il superamento dei test vibrazionali e la misura delle proprietà inerziali permetterà a Kayser di proseguire nell'iter di sviluppo della ICU fino al lancio di PLATO nello spazio, programmato per il 2026. </p><p style="text-align:justify;">La ICU testata al CIRA fa parte del sistema di elaborazione dati del payload scientifico della missione che utilizza 18 telescopi in osservazione congiunta. I dati scientifici verranno quindi raccolti, compressi ed inviati a Terra dalla ICU che si occuperà anche della gestione della telemetria e dei telecomandi da e verso il Service Module (SVM) e della raccolta degli housekeeping data delle altre unità del payload.<br></p><p style="text-align:justify;">24 giugno 2021<br></p><p><br></p>2021-06-23T22:00:00Z

 Galleria multimediale

 

 

 Leggi anche