Accesso

Cira

 
218
Hexafly progetto di sviluppo del velivolo ipersonico

 Riutilizzo elemento catalogo

 

 

Hexafly, il progetto targato ESA-UE per lo sviluppo dell’aereo del futuro<img alt="" src="https://www.cira.it/PublishingImages/Dimostratore%20ipersonico%20Hexafly.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://www.cira.it/it/comunicazione/news/hexafly-progetto-di-sviluppo-del-velivolo-ipersonico/Hexafly, il progetto targato ESA-UE per lo sviluppo dell’aereo del futuroHexafly, il progetto targato ESA-UE per lo sviluppo dell’aereo del futuro<p style="text-align:justify;">Viaggiare a velocità sino ad otto volte superiori a quelle degli attuali velivoli da trasporto commerciale sembra oggi un obiettivo raggiungibile grazie alle intense attività di ricerca che si stanno conducendo in questo ambito. </p><p style="text-align:justify;">Con la recente stipula del contratto "Advanced Flight Control of Hypersonic Slender Vehicles", si è completata la serie di sei contratti che l'Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha assegnato al CIRA per lo svolgimento di attività nell'ambito di HEXAFLY-INT, il progetto che ha per obiettivo la realizzazione e la sperimentazione in volo di un dimostratore ipersonico non propulso denominato EFTV (Experimental Flight Test Vehicle). </p><p style="text-align:justify;">Grazie alle esperienze maturate nel settore del volo ipersonico, al CIRA è stato affidato il compito di definire l'innovativa configurazione del velivolo basata su particolari caratteristiche aerodinamiche e di stabilità e su carichi termici derivanti dalle alte temperature tipiche del volo ipersonico.</p><p style="text-align:justify;">Finanziato sia dall'Unione Europea, nell'ambito del 7° Programma Quadro, che dall'ESA, Hexafly-Int vede la partecipazione di numerosi partner europei, ma anche australiani, russi e brasiliani. La compagine italiana è costituita dal CIRA, in qualità di Design Authority, e da alcune PMI campane. </p><p style="text-align:justify;">La progettazione del velivolo e della missione di volo sarà completata entro l'anno; seguiranno le attività di integrazione ed assemblaggio finale, che saranno sempre coordinate dal CIRA ed eseguite presso le strutture del Centro a partire dal 2019. Il progetto si concluderà con il lancio del velivolo dalla base di Alcantara in Brasile e l'esecuzione del test in volo.<br></p><p style="text-align:justify;">16 marzo 2018<br></p>2018-03-15T23:00:00Z

 Galleria multimediale